Vai al contenuto

Ancora crisi ! Le 10 tecniche per calmarsi – per grandi e piccini

Stanco di ritorno dall'ufficio, pensi solo a quando potrai sprofondare tranquillo nel tuo letto con un bel libro. Ti permetti di chiedere a tuo figlio, anni 3, di andare a lavarsi le mani prima di sedersi a tavola. Apriti cielo. Ah no! Non è possibile! Se non te le lavi tu, te le lavo io! Lui urla, tu urli.. Come gestire le crisi? Come fare a calmarsi e aiutare i nostri bambini a controllare la tempesta di emozioni? Qualche tecnica utile a grandi e piccini!

le tecniche per calmarsi respirare e meditare
Foto di Jared Rice on Unsplash

Cosa potrebbe aver scatenato la crisi?

Una mattina come tante. "Mamma, oggi si va a scuola?" Mi chiede il mio piccolino, appena aperti gli occhi. Lo sguardo corrucciato non lascia dubbi : voglio stare a casa!

Per fortuna, possiamo prenderci il lusso di fare colazione tutti insieme, prima di renderci conto che è tardi e siamo tutti in pigiama.

In qualche modo riusciamo ad arrivare alla porta di casa con i vestiti giusti addosso e con sufficiente tempo per arrivare a scuola e in ufficio secondo la tabella di marcia.

Mamma, io voglio andare in bici!

Ecco, i miei muscoli si tendono come pronti a una reazione di emergenza.

Amore, dobbiamo esercitarci ancora un po' prima, è meglio se per il momento vieni sul seggiolino. Domani, se riusciamo a uscire un po' prima, possiamo prendere la tua bici, ok?

Ovviamente, la risposta è stata un grande no, caparbio e definitivo.

Dopo un paio di tentativi, ho dovuto prenderlo in braccio io per metterlo sul seggiolino - una catastrofe.

Urla e pianti disperati, graffi, calci.. La somma crisi.

Quella in cui bisogna riuscire a calmarsi prima di poter calmare nostro figlio.. difficile mentre ti afferra i capelli e tira come se volesse raderti a zero.

Dietro ogni pianto, un bisogno inascoltato..

Tutti i genitori che conosco sono passati, almeno una volta nella vita, attraverso una di queste crisi.

Le caratteristiche principali si riconoscono subito:

  • Siete in un luogo pubblico con tanto passaggio

  • Avete poco tempo, sei di fretta (i miei bambini hanno fretta solo per andare a guardare i cartoni).

  • La richiesta fatta sarebbe anche ragionevole, ma proprio non puoi cedere

  • Il tuo rifiuto scatena una reazione spropositata da cui è difficile calmarsi indenni

Se non avessi letto le decine di libri che ho attualmente su bambini genitori e tutto quel che passa in mezzo, penserei a un capriccio.

Una frase letta e riletta in un mio amato libretto di Isabelle Filliozat mi ha insegnato che non bisogna mai lasciarsi ingannare dalle apparenze : dietro a ogni pianto, si cela un bisogno inascoltato..

Perché scavare il passato quando serve calmarsi?

Mio figlio non è collerico o aggressivo in generale.

Ma ci siamo appena trasferiti, ha dovuto dire addio al mondo a cui era attaccato, ad alcune amicizie importanti - senza, ovviamente, aver potuto dire la sua.

A scuola parlano una lingua che non capisce ancora; la sera andiamo a dormire sempre un filo troppo tardi (eh, difficile prendere sonno con tutte queste novità!)

Se guardo la situazione nel suo insieme, capisco che mio figlio è non solo un po' arrabbiato; ha perso il controllo sulla sua routine, sulle sue sicurezze.

E quindi, si impunta sulle piccole cose - come prendere la bici per andare a scuola - e quando gli neghiamo anche il controllo su queste, la sua rabbia esplode.

La prospettiva, in questo caso, cambia completamente!

le tecniche per calmarsi e attraversare la tempesta emotiva
No, non si è calmato così facilmente.

Potrebbe interessarti: Qualche trucco per far collaborare i bambini

Vuoi anche tu in regalo il poster per la risoluzione dei conflitti? Dai un'occhiata !

Per calmarsi, un po' di empatia

Ricercare il bisogno inascoltato che ha scatenato la crisi (nostra o del bambino!) ha come primo effetto quello di farci mettere nei panni dell'altro.

E questo serve a contrastare l'effetto dei neuroni specchio.

I neuroni specchio, giusto per approfondire, sono dei neuroni speciali che si attivano sia quando un individuo compie una determinata azione, che quando osserva soltanto un altro individuo compierla. L'attivazione cerebrale è la stessa.

Per fare una semplificazione, è molto più difficile calmarsi quando la persona di fronte a noi sta esplodendo in una crisi isterica.. Serve uno sforzo in più per controllarsi.

Ecco che entra in gioco l'empatia : anziché pensare "ecco, un altro dei suoi terribili capricci, questo bambino è impossibile!" passiamo a "poverino, dev'essere molto dura per lui (e per noi)".

C'è anche un altro elemento. Un bambino non ha ancora sviluppato completamente tutte le capacità cerebrali.

Le crisi di pianto sono già, per lui, un modo per "calmarsi", cioè per scaricare tutte le tensioni accumulate (nel caso di mio figlio, la rabbia per un cambiamento subito, la paura di dover stare in un ambiente dove non riesce a esprimersi, eccetera).

In quel momento gli è difficile contenersi da solo. Ha bisogno di sentirsi contenuto e protetto da questa tempesta emotiva, e là entriamo in gioco noi - tenendolo stretto in un abbraccio, anche se si dimena.

Il trucco c'è : il contatto fisico permette di rilasciare ossitocina, che va a calmare il turbinio di cui sopra. La difficoltà è riuscire a restare sereni senza irrigidirci mentre nostro figlio urla e ci prende a calci..

Potrebbe interessarti: empatia e gentilezza, ancora d'attualità?

Che succede se reagiamo e basta?

È molto difficile calmarsi o restare calmi quando la persona davanti a noi ci attacca.. Se ci "dimentichiamo" di considerare la situazione nel suo insieme, reagiremo attaccando a nostra volta.

Dai è il classico esempio anche tra adulti! Quando lui entra in casa dal lavoro tardi, stanco magari dopo una discussione col cliente, e la prima cosa che dice è "Ma come, perché la cena non è ancora pronta?" Una specie di dichiarazione di guerra no?!

Ma non se lei si appoggia "sullo storico" della relazione, sul fatto che di solito la apprezza molto, che è lui che cucina la maggior parte delle volte; e che sa che in quei giorni c'è maretta al lavoro.

Allora, e solo allora, capirà che si tratta di uno sfogo di tensione e non di un attacco personale. Con i bambini, che si controllano molto meno, è la stessa cosa!

Cosa succede se reagiamo d'istinto invece? Parte la litigata.

Si innesca un circolo vizioso : il bambino urla e piange per scaricare la tensione dovuta a un bisogno inespresso X, noi gli intimiamo di smettere, lui si sente sbagliato o ingiustamente accusato, e questo, anziché calmarlo, peggiora la crisi e così via.

Vuoi anche tu in regalo il poster per la risoluzione dei conflitti? Dai un'occhiata !

Cosa fare per gestire la crisi di rabbia sul momento??

Come fare se siamo in una situazione difficile a restare calmi e aiutare figli/mariti/mogli/amici eccetera a calmarsi?

Cioè ad esempio, se tua figlia ti sveglia per la terza notte di fila alle quattro di mattina quando alle 5 suona la sveglia, piangendo che non riesce a dormire da sola. Come fare a concentrarsi sulla nostra empatia quando il nostro istinto è di urlare a nostra volta?

Allora. Intanto, togliamo subito un sassolino dalla scarpa : siamo migliorabili, ma costantemente imperfetti.

Quindi, se speravi di acquisire in pochi semplici step la calma di un monaco tibetano, dimenticatelo. (E comunque sono sicura che anche il monaco tibetano alzerebbe almeno il sopracciglio in certe circostanze a noi familiari).

le tecniche per calmarsi restare zen in ogni situazione
E, no! Non è sempre possibile restare zen! Guarda che sorriso forzato...

Punto due. In fase di emergenza, metterai sempre il pilota automatico. È inevitabile, il nostro cervello è programmato così.

Pertanto, se vuoi rompere il circolo vizioso di cui sopra, e gestire le crisi con più calma, devi modificare il pilota automatico.. Cioè cambiare il tipo di reazione.

Noi tutti reagiamo in un certo modo a dati stimoli per abitudine - magari un'abitudine inconscia e consolidata da decenni perché abbiamo visto genitori zii nonni o insegnanti fare così.

E cambiare le abitudini richiede un certo sforzo, ma non è impossibile. Ci vuole un po' di strategia.

Per calmarsi.. i punti focali di una strategia preventiva.

Ahhh, quando sento la parola pianificazione mi brillano gli occhi (e mio marito ha improvvisamente una riunione che finisce tardissimo).

Ragionerei su due fronti:

  1. bisogni vs. aspettative

  2. problema e obiettivo che si vuole raggiungere

Cosa intendo dire?

Bisogni vs Aspettative

Abbiamo detto che un comportamento eccessivo (che noi chiamiamo spesso "crisi") è il sintomo di un bisogno.

Mentre cerchi di capire quale possa essere questo bisogno, ricorda di tener presente le capacità evolutive e i bisogni naturali dovuti alla fase di sviluppo del bambino (ma in generale vale anche per gli adulti! Non abbiamo tutti gli stessi limiti e le stesse capacità).

Guarda come si comportano i bambini della stessa età, e rifletti sule tue aspettative. Può anche essere che le nostre aspettative inconsce non siano adeguate alle reali capacità del bambino.

Un esempio banale: se non so nulla di neonati, potrei stupirmi che il mio bebè richieda il latte dopo neanche un'ora rispetto alla poppata precedente.

Potrei aspettarmi, allora, che sappia pazientare più a lungo di quello che la sua fisionomia gli consente, e prendere la sua reazione per "eccessiva" - mentre invece sono le mie aspettative a essere non adeguate.

Lo stesso vale a tutte le età: se sono cresciuta in montagna facendo gite con dislivello di 1000 m ogni fine settimana, posso pensare che sia esagerato che il mio compagno si lamenti di stanchezza dopo un paio d'ore che cammina, se non prendo in considerazione che è la prima volta che mette piede su un sentiero di montagna.

(io per esempio ho insegnato al mio allora fidanzato a sciare su una pista olimpionica nera, l'unica aperta a causa di una grossa nevicata, pensando che be', alla peggio saremmo andati piano..

Per fortuna è ancora vivo e può rinfacciarmelo un paio di volte l'anno, e io continuo a trovare la sua reazione esagerata ;)p )

Problema e Obiettivo

Una volta che hai chiarito questo punto, puoi chiederti chi abbia il problema, chi il bisogno : io o l'altro? (o entrambi)

se il mio interlocutore, a qualsiasi età, urla e si dimena, avrà certamente qualcosa che non va che ha scatenato la crisi.

Se invece sono io che ho la fissa di arrivare in anticipo e mi innervosisco ogni volta che impieghiamo ore per uscire di casa, posso dire che la frustrazione sia un problema mio.

In generale, se vuoi evitare di innescare dei giochi di potere a non finire, è comunque meglio concentrarsi sul problema dell'altro con empatia(riporto il saggio consiglio di Isabelle Filliozat in merito).

Chiarito questo, definisci il tuo obiettivo (da genitore, da partner, ecc): liberarti della tua frustrazione, riportare la calma, rendere tuo figlio più autonomo, rinforzare il vostro rapporto, insegnare un valore per te importante o una competenza, eccetera.

Solo quando l'obiettivo ti è chiaro, puoi pensare alle diverse attitudini da adottare per raggiungerlo - non c'è quasi mai un'unica soluzione!

Infine, frase vecchia ma sempre d'attualità, conosci te stesso.

Individua le situazioni che ti mandano fuori di testa, o quelle che fanno agitare tuo figlio, e gioca d'anticipo.

Per dirla semplice: se non vuoi che tuo figlio mangi il cioccolato, non lasciare in vista la tavoletta da 200 g.

Se ti fa andare fuori di matto trovare il salotto pieno di giocattoli, oltre a gradualmente insegnare al tuo pupo a mettere a posto (ma attenzione! prima dei 4-5 anni, inutile sperare che il bambino sappia farlo da solo)- meglio tenere la maggior parte dei giochi in camera sua. E così via.

Le 10 tecniche per calmarsi

Detto ciò, ecco alcune azioni che puoi tenere a mente per sapere come agire quando ti trovi nel bel mezzo di una crisi!

#1) Allontanarsi

Se puoi, allontanati un attimo. Io a volte mi chiudo in bagno. Certo, se hai a che fare con un bimbo piccolo e sei da solo, questo sarà più difficile. Prova allora a chiudere almeno gli occhi e a pensare a un bel momento di tenerezza (serve per richiamare ossitocina, funziona!)

le tecniche per calmarsi allontanarsi
Se possiamo allontanarci per un attimo..

#2) Respirare

È così semplice, eppure ce ne dimentichiamo spesso. Quando siamo sotto stress, tendiamo a bloccare il respiro; ma in realtà, riportare ossigeno al cervello è essenziale per calmarsi.

Potrebbe interessarti: dei mille benefici di un gran bel respiro

#3) Bere

Un bel bicchiere d'acqua intendo, non darsi all'alcol! anche l'acqua fa bene al cervello. E tra l'altro, a volte un bimbo irritabile è un bimbo che ha sete..

#4) Sorridere

Quando siamo felici, sorridiamo. Ma è vero anche il contrario: quando sorridiamo, il cervello reagisce al movimento rilasciando neurotrasmettitori che ci fanno stare meglio. Contro intuitivo, sorridere quando vorremmo piangere, eppure..

Potrebbe interessarti: il sorriso è uno dei 5 gesti che puoi tenere a mente per ritrovare l'energia positiva!

#5) Movimento

Stiracchiarsi, tirare indietro le spalle, fare grandi gesti con le braccia - utile per far scaricare la rabbia dei bambini! per esempio dando loro un bel cuscino da colpire o lanciare.

Può essere utile e simpatico provare a inserire nella nostra routine coi bambini dei momenti di gioco in movimento che favoriscono lo sviluppo del cervello (la "brain gym")

Qualche suggerimento simpatico in questo video!

#6) Camminare

Se puoi, vai a fare una bella passeggiata all'aperto. Aiuterà a rimettere le cose in prospettiva (e magari a farsi un bel film sui nostri bisogni reciproci)

#7) Contatto fisico

Perfetto a tutte le età, è particolarmente importante per i bambini. Hanno bisogno di essere contenuti, sentire che siamo con loro, che li sosteniamo e li accettiamo in tutti i momenti. Senza parlare dell'effetto ossitocina di cui sopra.

Potrebbe interessarti: il potere magico delle coccole

le tecniche per calmarsi privilegiare il contatto fisico
A volte non è facile.. ma abbracciatevi stretti!

 

#8) Chiudere gli occhi

Pensa alle sensazioni fisiche. Concentrati su di te, su quello che il corpo ti comunica. Anche se per pochi secondi, aiuta a calmarsi.

#9) Concentrarsi sul tono di voce

Più che le parole stesse, come le diciamo conta tantissimo! Se chiediamo ai nostri figli di non urlare urlando, il messaggio che inviamo è un filo incoerente. Meglio, al limite, sussurrare. Farà anche da effetto sorpresa! e se poi innesca la reazione da imitazione, il gioco è fatto.

#10) Le parole da memorizzare

Basta! Smettila! Sono parole che spesso abbiamo nel nostro arsenale delle risposte automatiche.

Io mi sto esercitando a sostituirle con "È tutto a posto. Respira." che tra l'altro dico più a me stessa come un mantra.. Ma che comunque, alla quinta o sesta ripetizione, funziona anche con mio figlio (devo solo stare attenta a non farmi tirare troppo i capelli)

La seconda frase da memorizzare è "io mi sento.. perché". Evita di partire col "Tu fai sempre...!" o "Sei..!"(seguito di solito da aggettivo dispregiativo, che se fosse un complimento al limite andrebbe anche bene 😉 )

Se invece di accusare l'altro, innescando il famoso circolo vizioso di rimproveri, parliamo di come ci sentiamo. Sono arrabbiata perché ti avevo chiesto di mettere a posto e non l'hai fatto. Mi sento come se tu non mi ascoltassi.

Funziona anche per scaricare la nostra tensione.

A me succede così: mentre sento la mega ondata di frustrazione salire, inizio con mi sento, e poi mi devo concentrare per capire esattamente il perché io mi senta in un certo modo. E mentre ci penso ed esprimo, mi calmo.

Magari mio figlio di 3 anni non ha capito niente del monologo di psicoterapia che nel frattempo gli ho riversato, ma io mi sento meglio. Già un risultato no?

Conclusione

Vivere con qualcuno è un eterno confronto di bisogni - non sempre coincidono, non sempre sono espressi chiaramente. I bambini ci mettono in difficoltà perché dipendono da noi non solo per la soddisfazione di questi bisogni, ma anche perché insegniamo loro a individuarli e a capirli.. E perché i nostri, di bisogni, devono per un attimo essere messi da parte.

La consapevolezza è il primo passo verso il cambiamento.. Un po' di lavoro di ricerca e riflessione può ben valere la pena, se riusciamo poi a urlare di meno e sorridere di più!

E per richiamare alcune delle tecniche : stampa il poster e usalo anche tu coi tuoi bambini !

Risorse e referenze

Condivido alcuni articoli che ho preso come riferimento, e letture utili come sempre! Link a Amazon in questa pagina sono link di affiliazione.

Ma prima, ti chiedo 3 cose:

  1. Condividi questo post se l'hai trovato utile!

  2. Che ne pensi? Mi piacerebbe molto leggere la tua esperienza 🙂

  3. Ti è piaciuto l'articolo e sei interessato a ricevere regolarmente articoli e suggerimenti direttamente nella tua casella di posta? Da questa parte!

Articoli :

  • Per avere altri consigli su come calmarsi rapidamente, queste tecniche suggerite dalla terapista Lauren Brukner e riportate dallo psicologo Antonio Fresco sono un valido complemento di lettura

  • Se invece attraversi un periodo particolarmente stressante, rilassarsi può diventare difficile - eppure essenziale!

Libri :

Questi sono i libri cui ho fatto riferimento per la stesura dell'articolo.

  • "Le ho provate tutte!" di Isabelle Filliozat, tratta in modo dinamico, pratico e non colpevolizzante tutti i comportamenti "difficili" dei bambini da 1 a 5 anni. Per me lettura illuminante ed essenziale: alla luce delle nuove scoperte sullo sviluppo del cervello, spiega come interpretare certe reazioni e come possiamo rispondervi.

  • Il linguaggio emotivo dei bambini di Debora Conti è un'altra ottima risorsa per capire meglio le crisi dei più piccoli.

  • Cito, anche se non ne è uscita ancora la traduzione italiana, un altro libro di Isabelle Filliozat da cui ho tratto numerosi spunti: "Il me cherche!", in cui si concentra sui bimbi tra i 6 i gli 11 anni, con lo stesso principio.

  • Per saperne di più invece su come modificare un'abitudine, consiglio caldamente il nuovo libro di Luca Mazzucchelli, "Fattore 1%". Ottimi spunti, lettura gradevole, e utilissimo.

poster per la risoluzione dei conflitti

27 pensieri su “Ancora crisi ! Le 10 tecniche per calmarsi – per grandi e piccini

  1. Anna

    io non ho figli e sinceramente non saprei cosa dire in questa situazione. Il tuo articolo comunque l'ho trovato ricco di suggerimenti utili che condividerò con le mie amiche

    Rispondi
  2. Raffi

    Avrei dovuto leggere questo post 15 anni fa, quando mio figlio era piccolo e ogni tanto si lasciava andare a queste crisi. Per fortuna col tempo e con la pazienza ho imparato a gestirle e a calmarlo.

    Rispondi
  3. Nicoletta Cillara

    Quando iniziano con io voglio, mamma io voglio... è finita! Bisogna imparare a tenere la calma e il sangue freddo...specie quando si è fuori e gli occhi di tutti ti stanno addosso, pronti a vedere quale sarà il passo del genitore!

    Rispondi
  4. Erika Cammarata

    Io soffro moltissimo di questo. Vivo in una situazione che non mi è congeniale. E questo mi porta ad essere sempre tesa, nervosa, arrabbiata. Niente mi calma, anzi, tutto mi agita ancora di più, se mi trovo in una determinata situazione con determinate persone. L'unica cosa che per me funziona è mettermi le cuffie e guardarmi un bel film. Ho la mia top 3 dei film da guardare per calmarmi e lasciar scorrere tutto, anche se cmq non sfogare la rabbia non fa molto bene.

    Rispondi
  5. mary pacileo

    una tematica che mi ha fatto tanto piacere approfondire, davvero ben trattata, apprezzo molto i consigli soprattutto in merito a quello che si può fare per aiutare i nostri figli

    Rispondi
  6. Sara

    Queste dieci tecniche sono davvero valide. La prima cosa che faccio anch'io, quando c'è una crisi, mi allontano un minuto (magari andando solo in bagno o in un'altra stanza a respirare!)
    Poi torno e almeno i miei neuroni si sono resettati. Poi ai suoi verrà di conseguenza appunto per la storia dei neuroni a specchio.
    Altrimenti si rischia solo di fomentare il circolo vizioso. Complimenti per l'articolo.

    Rispondi
  7. anna di

    Ottimi suggerimenti, a volte sembrano semplici e banali, ma quanto difficile adottare questi comportamenti. Fra tutti per me due sono le cose che più mi tranquillizzano: uscire, andre fuori per un istante e poi sorridere, magari sforzandomi e provare a ridere. In genere funziona

    Rispondi
  8. Valentina

    Non sono mamma e non sono nemmeno fidanzata. Mi arrabbio con altre persone lo stesso comunque. Sopratutto mi innervosisco molto quando gli altri mi fanno perdere tempo e non riesco a combinare niente. E ho visto che da sola non perdo tempo e faccio un sacco di cose, quindi non mi arrabbio. E mi diverto pure. A questo punto ho trovato buona questa soluzione.

    Rispondi
  9. Maria Domenica Depalo

    I bambini rappresentano un mondo straordinario anche se, talvolta, può essere difficile 'gestire' le loro crisi. Ho trovato particolarmente illuminante la tua descrizione dei neuroni specchio. Rende perfettamente il loro ruolo.
    Maria Domenica

    Rispondi
  10. Annalisa

    Ho letto tutto d’un fiato il tuo articolo e mi sono rivista nelle mie crisi di rabbia e di pianto di qualche anno fa! Ah se qualcuno allora mi avesse detto di respirare, o mi avesse concesso di fare una passeggiata... forse mi sarei goduta di più mia figlia. Invece sola, mi sono dovuta arrangiare come potevo. Ora grazie alla kinesiolovia sono diventata calma e riflessiva, e sfitto pienamente l’ empatia. Davvero un gran bell’articolo complimenti!

    Rispondi
  11. Flavia

    Grazie! Un articolo che è arrivato al momento giusto
    Anche noi ci siamo trasferiti da poco e mia figlia grande (3 anni e mezzo, mica 18 😅) è decisamente in crisi e scoppia in crisi incontrollabili ogni 2 x 3
    Lo so che il cambio è alla base ma non riusciamo ad uscire dal loop
    Cercherò di mettere in pratica i tuoi consigli

    Rispondi
  12. Amalia

    Un articolo davvero interessante, me ne ricorderò quando sono stanca stressata e non ho voglia di far nulla se non sprofondarmi nel divano. Grazie per le info

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On this website we use first or third-party tools that store small files (cookie) on your device. Cookies are normally used to allow the site to run properly (technical cookies), to generate navigation usage reports (statistics cookies) and to suitable advertise our services/products (profiling cookies). We can directly use technical cookies, but you have the right to choose whether or not to enable statistical and profiling cookies. Enabling these cookies, you help us to offer you a better experience.