Vai al contenuto

Perché accettare le differenze è così difficile, ma la migliore lezione di vita per i tuoi figli

Viviamo in un mondo multi-tutto e siamo sempre più inter-connessi. Eppure la diversità è ancora considerata un problema. Perché accettare le differenze? Perché è così importante parlare di diversità? E come possiamo insegnarlo ai nostri figli? Qui condivido alcune considerazioni sul perché accettare le differenze sia così difficile per noi, ma una risorsa fondamentale per il nostro benessere e il futuro dei nostri figli. Pronti? 🙂

Perché accettare le differenze 11
Abbracciare la diversità

Per cominciare, cosa vuol dire diversità ?

Oggigiorno, nel discorso pubblico, quando sentiamo la parola "diversità", pensiamo immediatamente alla diversità dei sessi, della religione o della razza. A volte consideriamo anche la disabilità. Ma c'è di più..

Ho provato a fare una lista :

  • Lingua / paese d'origine
  • Posizione sociale e/o economica
  • Religione
  • Posizionamento politico
  • Capacità personali (un handicap, ad esempio)
  • Tipo di famiglia / orientamento sessuale
  • Credenze personali, priorità e valori

Perché dovremmo considerare l'accettare le differenze come fondamentale?

Perché accettare le differenze? Certo, è "politicamente corretto" e "bello" dire che vogliamo abbracciare la diversità. Ma qual è il vantaggio di fondo per noi e i nostri figli?

Secondo me, il concetto di diversità ha due aspetti.

  1. Possiamo parlare di differenze che notiamo negli altri;
  2. e possiamo considerare le nostre differenze rispetto al gruppo di maggioranza con cui viviamo.

Più sviluppiamo nuove tecnologie, più ci scambiamo informazioni, e più ci spostiamo geograficamente, più diventa diversificato il nostro ambiente. Includere persone diverse da noi semplicemente renderà la nostra vita più serena ed equilibrata. (Semplificando al massimo : se non posso cambiare qualcosa, farò meglio ad accettarlo ed esserne contento piuttosto che combattere ogni giorno per qualcosa che rimarrà tale e quale.)

Perché accettare le differenze 8
Accettare le nostre differenze

In secondo luogo, essere in grado di accettare veramente le nostre differenze, la nostra imperfezione, migliorerà la nostra autostima e, in definitiva, la nostra salute generale. Invece di nascondere chi siamo, le caratteristiche che ci rendono così unici, lo condividiamo con il mondo. È la base stessa di una vita piena e armoniosa con noi stessi; e conseguentemente, con la nostra famiglia, gli amici e i colleghi..

Perché accettare le differenze sul lavoro?

In fin dei conti, una politica di inclusione delle diversità anche all'interno di un'azienda è un fattore di competenza e innovazione. Un recente studio del Boston Consulting Group ha rilevato "una correlazione forte e statisticamente significativa tra la diversità del gruppo dirigente e l'innovazione complessiva. Le aziende che hanno segnalato un tasso di diversità superiore alla media nella loro dirigenza hanno riferito ricavi derivanti dal loro grado di innovazione di 19 punti percentuali in più rispetto alle aziende con una diversità di gestione inferiore alla media: il 45% delle entrate totali, rispetto a solo il 26%."

(Potete leggere l'articolo completo (in inglese) qui, e un commento sulla sfida alla diversità in azienda.)

Da dove cominciare?

Ora, forse ti ho già convinto del perché sia importante accettare le differenze. Ma da dove iniziamo? E perché è così difficile?

Vorremmo che i nostri figli fossero gentili e aperti. Possiamo fornire loro solidi esempi, e farli crescere in un ambiente estremamente diversificato. Ma non sempre basta, ho scoperto. È importante parlarne in maniera esplicita, in un dialogo aperto, fin da quando sono piccoli.

Perché accettare le differenze 10
Parlare di diversità

Prenderò il mio esempio personale di diversità linguistica e culturale. Per i miei figli, parlare lingue diverse è la norma. Quando sentono qualcuno che parla italiano, si rivolgono a me con una luce negli occhi esclamando: "Mamma, ma parla in italiano?!"

Quando vivevamo in Francia, prima di incontrare persone o di avere ospiti, mia figlia ci chiedeva se dovesse parlare italiano o francese .

In Germania, ci è capitato di invitare per un caffè dei vicini con due bambini della stessa età dei nostri. Mentre ci preparavamo ad accoglierli, avvertimmo che i bambini che stavano arrivando parlavano solo tedesco. Mia figlia : "Oh sì, ne ho già visti di questi!".

Lì per lì ne ho riso e non ho colto il tono di voce, un po' sarcastico e leggermente sprezzante. Avrebbe potuto essere il momento ideale per dirle che nessuna lingua è superiore alle altre, tutti abbiamo il nostro modo di dire le cose. Certo, complica non poco la comunicazione...

Perché accettare le differenze - lingua, razza e cultura

In un certo senso, dato che stanno crescendo in un contesto multilingue, è normale che non si identifichino necessariamente con il paese di origine, ma piuttosto con la lingua, che assicura una migliore comprensione.

Ecco una prima chiave: perché accettare le differenze è così dura. È molto più difficile comunicare tra noi, ci vuole tempo, il coraggio di provare e sbagliare.. Non sempre abbiamo la motivazione sufficiente.

Perché accettare le differenze 5
Come faremo a comunicare?

Questo aspetto di differenza tra paesi e lingue intrigava molto i miei figli all'inizio. Quando andavamo dalla Francia in Italia per andare a trovare i nonni, nell'arco di un sonnellino pomeridiano cambiavamo paese e lingua, come se ci fosse una bacchetta magica.

E non era ovvio spiegare loro il perché. Cercate di spiegare a un bambino sotto i 5 anni perché c'è un confine. Che cos'è un Paese comunque? Rimette le cose in prospettiva, no?

Nonostante le difficoltà di integrare la diversità linguistica e culturale nella nostra vita quotidiana, vi trovo un notevole vantaggio in questo. I bambini che vivono ambienti multilingue non necessariamente associano un giudizio alla lingua o alla razza, come tendiamo a fare da adulti.

Ci Chiedono perché esista una tale differenza, ovviamente. Niente panico! Una frase semplice, senza giudizi farà l'affare. La sola cosa che conta per i bambini, è sapere come e se possono comunicare facilmente.

Quando i miei figli non capiscono cosa viene loro detto, rispondono in italiano, lasciando al loro interlocutore l'onere di interpretare il senso .. 😉

Perché accettare le differenze è difficile - Handicap e faccende più delicate

È successo quando abbiamo incrociato persone su una sedia a rotelle per la strada. Perché mamma? Perché non può camminare? Per passare poi a malattie, disabilità e conseguenze di incidenti. Può succedere a chiunque. Tutti abbiamo punti di forza e di debolezza, giusto?

Mi sono ritrovata a cercare parole che potessero descrivere senza etichettare, e sono stata colta alla sprovvista.

Perché accettare le differenze 4
Diversità : paura o attrazione?

Il problema è che siamo preoccupati per la diversità perché vediamo le cose con i nostri occhi di adulti. Con la nostra visione del mondo, il nostro modo di funzionare, le nostre convinzioni e cicatrici e ferite.

Ma un bambino sta ancora imparando a mettere le sue esperienze nella giusta categoria. Non ha ancora un'opinione preconcetta. Certo, nota le differenze. Ma queste differenze sono solo un fatto naturale, ancora dissociate da qualsiasi nozione di "giusto o sbagliato"..

Perché facciamo fatica a discutere di diversità?

Quando parlare di razza, sesso e altri temi "caldi" ci fa paura, è perché in fondo temiamo i nostri stessi giudizi. Non vogliamo credere di avere dei pregiudizi.

Non ho ancora incontrato nessuno che si definisca apertamente razzista o sessista, per esempio. Tuttavia i partiti di estrema destra sono particolarmente popolari al giorno d'oggi, e siamo ancora lontani dalla parità di trattamento nei due sessi.

Ci piace definirci aperti e neutrali e fatichiamo a riconoscere la nostra parzialità. Non sappiamo come affrontare il discorso coi bambini, temendo di influenzarli nel modo sbagliato e che le nostre opinioni vengano lanciate ai quattro venti a nostra insaputa da bocche innocenti.

A volte non ci rendiamo nemmeno conto di essere prevenuti nei nostri punti di vista. Gli stereotipi, il modo in cui categorizziamo istintivamente le persone, gli avvenimenti e le esperienze sono un tratto biologico che ha aiutato l'umanità a prendere delle decisioni vitali in un battibaleno. Ci aiutano a capire in un lampo di chi possiamo fidarci, quale pianta mangiare senza morire avvelenati, e tutto ciò senza dover lanciarci ogni volta in una lunga ricerca approfondita.

Perché accettare le differenze 1
Stereotipi e la nostra analisi del mondo

Questa è la parte utile. I problemi arrivano quando non siamo flessibili nel modificare la nostra categorizzazione. Quando non ci rendiamo più conto del perché attribuiamo un certo giudizio. E le nostre aspettative inconsce possono essere dannose persino per noi ... per non parlare dei nostri figli!

La minaccia dello stereotipo inconscio - sul genere

Ecco due esperimenti che mi hanno particolarmente colpito. Mettono in luce i rischi in cui possiamo incorrere senza rendercene conto.

Il primo è stato condotto in Francia da Huguet e Régner nel 2007, su bambini tra 10 e 12 anni .

(Esperimento citato in questo articolo, Revue internationale de psychologie sociale 2014 n° 3-4, pagina 30)

Hanno dato ai bambini un test identico, un disegno a tratteggio bidimensionale che non ha significato speciale e che può essere presentato come un
"test di geometria", un "gioco di memoria" o un "test di disegno". A metà dei bambini è stato detto che si trattasse di un test di geometria e all'altra metà un test di memoria.

I risultati hanno rivelato che, nel gruppo cui era stato presentato come test di geometria, le bambine hanno avuto punteggi nettamente inferiori rispetto ai compagni maschi; quando invece il test era presentato come gioco di memoria, le bambine avevano risultati superiori ai bambini.

La minaccia dello stereotipo inconscio - sulle capacità personali

In un altro esperimento (citato in questo articolo, Il ricercatore Robert Rosenthal ha chiesto una classe di scuola elementare Di S.Francisco di sottoporsi a un "test di acquisizione di Harvard" che avrebbe dovuto rivelare "quali bambini stavano per sperimentare una crescita drammatica nel loro QI. ".

Si trattava invece di un normale test di QI. Rosenthal ha quindi selezionato a caso un gruppo di alunni e ha detto agli insegnanti che il test li designava come bambini speciali.

Rosenthal ha seguito i risultati degli alunni per i 2 anni successivi. Ha scoperto che "se gli insegnanti erano state condotte ad aspettarsi una crescita importante in QI, questi bambini acquisivano in effetti sempre più un maggior QI".

Perché accettare le differenze 6
Differenze di genere ?

Le aspettative cambiano le interazioni momento dopo momento. Attraverso il tempo che viene dedicato, sorrisi, domande..

Pensa a tutte le implicazioni nella nostra vita di tutti i giorni! Con i nostri figli, con i nostri amici, con i colleghi..

La minaccia dello stereotipo inconscio - parliamo di soldi!

Alla fine della fiera, potremmo avere un discorso aperto con nostro figlio. È un ottimo punto di partenza! Ma le nostre azioni e modelli possono raccontare una storia diversa

Prendiamo il denaro. A un certo punto della mia vita, mi sono dovuta accorgere di quanto inconsciamente attribuissi un'immagine negativa alla ricchezza. Non appena ne percepivo le caratteristiche (vestiti, auto, posizione lavorativa, tipo di vacanze, ecc.), assumevo implicitamente che le persone appartenenti a questa categoria avessero dei valori non in linea con i miei.

Probabilmente sprecano le cose e non si preoccupano dell'ambiente; probabilmente non sanno quanto sia difficile per il resto di noi; il mondo non è giusto, guarda quante persone sono povere; per guadagnare così tanto, devono lavorare al punto da dimenticarsi le loro famiglie, e tutto per i soldi. E così via.

Non prendevo in considerazione, ad esempio, il fatto che molti imprenditori, attraverso il loro impegno, abbiano creato posti di lavoro che mantengono molte famiglie.

O quanti facciano cospicue donazioni a buone cause e contribuiscono al mondo.

Non sapevo che stavo facendo tutte queste riflessioni interiori! Mi mettevo automaticamente in una posizione esterna di alterità, che danneggiava anche e prima di tutto me.

E se non ne sono consapevole, posso dire e modellare questo modo di pensare. Forse attraverso il mio sguardo quando vedo una macchina grande o una villa sfarzosa. Forse con frasi sarcastiche di tanto in tanto. I miei figli lo percepiranno anche loro inconsciamente... e prima o poi, o lo riprodurranno o lo rifiuteranno.

Perché accettare le differenze 9
Convinzioni nascoste

A volte questi riferimenti sono in luoghi nascosti. L'altro giorno, mia figlia mi ha detto che "i contadini sono sempre poveri". Perché in tutte le fiabe e le storie tradizionali dei bambini, i contadini sono sempre descritti come poveri. Non ci avevo mai pensato!

Perché accettare le differenze ci fa paura

Possiamo alzare le sopracciglia davanti a persone più magre o più grasse di quello che riteniamo sia giusto, assegnando specifici valori per quello che uno sceglie di mangiare.

cerchiamo costantemente persone simili a noi, in modo che il nostro modo di essere sia convalidato dagli altri. Allora, perché abbiamo così paura del diverso?

Da un lato, come Ozan O. Varol, ingegnere aerospaziale diventato premiato professore di diritto e autore, scrive in questo articolo, tendiamo a identificarci con le nostre opinioni . Rendendoci molto più difficile aprirci al cambiamento.

Ma essere esposti a diversi modi di vita, di fare le cose e di essere, comporta necessariamente una spinta verso il cambiamento.

Mi ricordo chiaramente uno degli esercizi che ci sono stati proposti durante un atelier di crescita personale cui ho partecipato in azienda. Eravamo in cerchio e dovevamo cercare di mantenere la stessa distanza gli uni dagli altri. Allo stesso tempo, dovevamo anche muoverci. Così, non appena una singola persona si spostava all'interno del gruppo, tutti gli altri dovevano spostarsi di conseguenza. Era un flusso costante, senza fine.

Perché accettare le differenze mette in discussione i nostri valori

Finché ci identifichiamo con quello che pensiamo, non possiamo ammettere facilmente che le nostre idee o pensieri siano sbagliati. Implicherebbe ammettere che avevamo torto in quanto individui. Avremmo molto probabilmente la tendenza a voler trovare delle prove che confermino le nostre idee e che quindi convalidino la nostra identità. Chiunque abbia un'idea diversa, per forza di cose dev'essere in torto..

Ma le nostre convinzioni non sono NOI. Quando qualcuno esprime il suo disaccordo con una nostra opinione, ciò non significa che NOI siamo sottovalutati o rimessi in discussione. Io non sono le mie convinzioni e nemmeno i miei valori. E essere in disaccordo non significa non amare. Impariamo a separare la critica all'idea dalla critica della persona che ha avuto l'idea.

Seguendo questo filo logico. Non mi piacciono alcuni dei cartoni che mia figlia ama guardare, che mettono l'accento sull'aspetto fisico, la magrezza, i bei vestiti, i capelli brillanti e il trucco, e così via. Non condivido i valori associati a questa immagine di donna sempre seducente.

Perché accettare le differenze 3
Giudichiamo le apparenze?

Mia figlia ne era talmente ossessionata, che volevo mettere dei limiti. Non soltanto guarda i cartoni per dieci o venti minuti al giorno, ma divora la rivista e vuole che gliela legga prima di andare a letto.

Un paio di volte ho rifiutato, e davanti alla sua più che normale rabbia, ho pensato fosse giusto spiegarle il perché. Allora le ho detto che non mi piaceva che il valore principale trasmesso fosse l'apparenza fisica, perché i valori della nostra famiglia erano diversi. Mi ha risposto: "Il mio valore principale, mamma, è il cioccolato".

Perché accettare le differenze rema verso la pace

D'altra parte, siamo cresciuti credendo che ci sia sempre un lato buono e uno cattivo. Un'opposizione permanente. I due aspetti non possono coesistere.

Come teorizza Marshall Rosenberg nel suo libro, "la nostra attenzione è concentrata sul classificare, analizzare e determinare quanto ci sia di sbagliato, chi abbia torto, piuttosto che su quello di cui noi e gli altri abbiamo bisogno e non riceviamo… "

"I giudizi di valore riflettono le nostre convinzioni sulla vita. Emettiamo invece dei giudizi moralistici su persone e comportamenti che non sostengono i nostri giudizi di valore. (...) "

"Se fossimo stati cresciuti in un linguaggio che facilita l'espressione della compassione, avremmo imparato a esprimere direttamente i nostri bisogni e i nostri valori, piuttosto che insinuare l'errore o il torto quando questi non sono soddisfatti."

"Più le persone sono abituate a pensare in termini di giudizi moralistici implicanti il torto e il male, più si abituano a guardare al di fuori di essi - ad autorità esteriori - per una definizione di cosa costituisca giusto, sbagliato, bene e male.

Perché accettare le differenze 2
In cammino verso l'accettazione

Forse pensiamo di non poter cambiare il mondo intero. Ma se riusciamo a scegliere le nostre parole, a incoraggiare la compassione e una migliore comprensione dei nostri bisogni reciproci, possiamo crescere dei bambini che diventino difensori della pace. La pace dentro di noi porta con sé la pace nelle nostre famiglia, tra i nostri gruppi di amici e conoscenti. Partiamo da qui.

Oltre le idee di cosa sia giusto e sbagliato, c'è un campo. Ti incontrerò là. Rumi, poète soufi

Parlare di diversità coi tuoi figli - Qualche indicazione

Se non sai come parlare della diversità con i tuoi figli, puoi pensare ad alcuni di questi suggerimenti:

  • Siamo un modello di ruolo costante per i nostri figli. Diamo esempi nella nostra vita quotidiana di accettazione della diversità; possiamo quindi utilizzare questi esempi come riferimento quando discutiamo l'argomento con loro

  • Possiamo valutare piccole differenze che li descrivono come la norma. Mia figlia a volte esclama che le piacerebbe avere i capelli biondi. Oppure mi chiede perché ha dei capelli diversi dai miei, ad esempio. In genere, considero che siamo tutti diversi, imperfetti e unici

  • È la parte più difficile: le parole contano! Se diciamo "è malato" invece di "ha una tale malattia", inviamo un altro messaggio inconsciamente. Quello che abbiamo non ci definisce; cosa siamo, sì. Inoltre, ciò che diciamo degli altri può essere tradotto in ciò che pensiamo dei nostri figli. Le etichette e gli aggettivi possono essere una forma di giudizio.

  • Quando un bambino fa notare le differenze, in cambio possiamo evidenziare delle somiglianze! Rinforza l’empatia 🙂

  • Possiamo certamente usare libri, film, pubblicità e vignette per condividere pensieri sulla diversità e persino evidenziare comportamenti da evitare!

  • Se ci capita di restare senza parole davanti al commento di nostro figlio a proposito della diversità di qualcuno, possiamo prendere tempo facendo delle domande. "Che cosa te lo fa dire?" "Cosa hai visto che ti ha colpito?"

  • Trovi altri suggerimenti ai link indicati poco oltre 😉

Perché accettare le differenze - Chiedi ai tuoi figli !

Mentre lavoravo a questo articolo, ho pensato di chiedere ai miei figli la loro opinione sull'essere diversi. Ho prima chiesto a mio figlio, 3 anni appena compiuti:

"Amore,volevo chiederti una cosa. Secondo te, cosa vuol dire essere diversi?"

"Vuol dire che hai un naso diverso, degli occhi diversi o una bocca diversa.. Diverso!"

"Oh. Ed è una cosa bella o brutta?"

"Bellissima!"

Poi mi sono rivolta a mia figlia di 5 anni (che non aveva assistito alla mia conversazione con suo fratello).

"Amore,volevo chiederti una cosa. Secondo te, cosa vuol dire essere diversi?"

"Per esempio, che uno ha la pelle scura e un altro chiara; o essere maschio o femmina; oppure avere gli occhi di un colore diverso..! "

"E secondo te essere diversi è una cosa bella o brutta?"

"Bellissima!"

Dai che forse una l'ho azzeccata! 😉

Perché accettare le differenze - altre letture e approfondimenti

2 pensieri su “Perché accettare le differenze è così difficile, ma la migliore lezione di vita per i tuoi figli

    1. clio

      Hai ragione, a volte presa nel mio impeto di voler educare e insegnare e dare messaggi ai miei figli mi dimentico che anche loro mi danno costantemente lezioni di vita 🙂 basta saperle cogliere

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

4 Condivisioni
Condividi4
Tweet
Condividi
Pin