Vai al contenuto

Tutto quello che avresti voluto sapere sul tuo bebè – prima che nascesse!

Hai mai notato che quando hai un bambino tra le braccia, inizia ad agitarsi non appena sei un po' teso? E che generalmente, sorridergli teneramente può bastare a calmarlo? Sei mai stato così stanco da pensare (inconsciamente) che il tuo bambino stava piangendo apposta per infastidirti? Sarebbe possibile? Vediamo cosa succede nel cervello del bebè e come possiamo aiutarlo a crescere!

Il cervello del bebè si sviluppa attraverso di te
Il cervello del bebè si sviluppa attraverso di te !

Il cervello del bebè è una spugna

Quando sono diventata mamma, mi sono stupita notando come la mia piccolina fosse permeabile ai miei stati emotivi. Quando ero fresca, rilassata e felice, lei era piacevolissima compagnia; ogni volta che mi sentivo stanca, tesa o nervosa, beh, le cose non erano così semplici.

Piangeva, voleva stare in braccio, rendendomi ancora più nervosa. A quel tempo ero ancora a miglia di distanza da tutte le letture e le esperienze che ho fatto da allora. Esploravo una nuova dimensione del mondo e di me stessa.

Poiché ho sempre fatto 3 cose contemporaneamente, mi muovevo in fretta, brusca; facevo cadere le cose goffamente, colpendole, facendo rumori ..

Viene fuori che brusco e rumoroso non è l'ideale per un neonato. Partiva con degli scatti di paura per ogni rumore improvviso; in un attimo passava da uno stato di calma a uno di allerta.

Ho iniziato a prestare attenzione alle sottigliezze, al tono della mia voce e al modo in cui mi muovevo. Cantare funzionava molto bene: mi costringeva a controllarmi, a rimanere calma, mentre cullava lei.

La tenevo in braccio per la maggior parte del tempo, tra le mie braccia o in un marsupio, quindi eravamo in costante contatto fisico. Poteva facilmente sentire le variazioni di velocità del mio respiro.

È stato un periodo molto felice per me, quindi non così difficile di per sé; ma mi ha meravigliato vedere come riuscivo a calmarla semplicemente essendo io stessa calma e felice.

La scienza del transfert emotivo

Secondo gli studi di intelligenza sociale, questo è un normale "trasferimento di emozioni" che si verifica durante le interazioni (mi riferisco in particolare al libro di Daniel Goleman, "Intelligenza sociale", Capitolo 1 per per essere precisi).

Uno dei responsabili di questo fenomeno è l'amigdala. L'amigdala cattura i segnali emotivi degli altri e attiva la nostra attenzione subconscia quando percepisce una potenziale minaccia.

L'amigdala nel cervello del bebè
L'amigdala nel cervello

Ciò che è interessante è che l'amigdala non ha collegamenti diretti con i centri linguistici nel nostro cervello. Identifica il significato emotivo da ciò che vediamo e lo rappresenta trasferendo quell'emozione dentro di noi, in modo che possiamo sentire la stessa emozione che abbiamo appena visto nell'altro, senza esserne consapevoli.

Daniel Goleman descrive questo trattamento come la "via bassa" in contrapposizione alla "via alta". La modalità "alta" funziona nel sistema neuronale, in connessione con la corteccia prefrontale; è lì che "pensiamo" a ciò che sta accadendo, coscientemente. Questa modalità richiede attenzione, tempo e impegno, ma è più precisa, mentre la "via bassa" funziona più in fretta e dà un risultato grezzo.

L'amigdala nel cervello del bebè

Torniamo al nostro bebè. Alla nascita, l'amigdala funziona già; può quindi provare molte emozioni intense. Queste sono memorizzati in quella che viene chiamata memoria implicita. Altre aree del cervello, come l'ippocampo (responsabile del trattamento della memoria narrativa), non sono ancora completamente mature.

Ciò significa che i bambini possono sentire le emozioni che vedono in noi. Le sentono e le registrano, ma non riescono a capire cosa percepiscono. Dobbiamo quindi insegnare loro gradualmente come.

Ecco perché mia figlia ha paura dei ragni 🙁

I bisogni del bebè.. e noi ??

Prendiamo l'immagine iniziale. Una me ancora goffa, con la mia piccolina che si agita quando divento nervosa .. Perché, nonostante il mio amore incondizionato per lei, a volte mi sarebbe piaciuto cucinare, o fare il bucato senza doverla portare costantemente in braccio ..

I bebè hanno così tanto bisogno di noi per sopravvivere .. Più di quanto immaginiamo. All'epoca, ad esempio, non sapevo che la loro frequenza cardiaca fosse regolata sulla nostra. Così come il loro sistema immunitario ... e persino la loro attività muscolare.

Questo fenomeno si chiama "regolazione precoce" e si riferisce a tutti gli stati interni di un bambino: fisici ed emotivi. All'inizio, questo avviene attraverso il tatto; poi, tutti gli altri sensi entrano in gioco: è un flusso costante tra i sistemi esterni e interni; tra emozioni e reazioni fisiche; tra i gesti della madre e del bambino.

Questo è ciò che rende occuparsi di un bebè così intenso. Biologicamente, il top è quando la mamma si identifica al 100% con i bisogni del suo bambino. Più sento il malessere del mio bebè, prima interverrò per riportare il mio bambino in uno stato di benessere e calma! Migliori le  possibilità di sopravvivenza ...

Il cervello del bebè si adatta al suo mondo

Da neonati, impariamo a regolarci con l'aiuto di un adulto, entrando in sintonia con le sue emozioni e adattandoci di conseguenza.

Questa capacità di interpretare correttamente i bisogni e le emozioni altrui ci consente di prendere il nostro posto nel mondo sociale in cui viviamo, al fine di mantenere le relazioni essenziali di cui abbiamo bisogno per sopravvivere.

cervello del bebè, in perenne divenire
Così piccola, eppure già così recettiva alle emozioni altrui

Cosa sono le emozioni allora? Fin dalla nascita, le emozioni agiscono come segnali. Sono campanelli d'allarme che ci dicono "Ehi, stai attento! C'è qualcosa cui prestare attenzione qui! Meglio concentrarsi e decidere come reagire !"

Ci avvertono della necessità di avvicinarci; o di andare via. Andarsene quando il rapporto ci minaccia; o prendere provvedimenti per mantenerlo quando ne abbiamo bisogno.

I neonati e il loro cervello

Non so voi, ma io trovo tutto questo estremamente affascinante. Quello che succede nelle nostre teste e nei nostri figli, spiega molto del nostro comportamento.

Per esempio, pensiamo a questo: quando abbiamo 12 mesi, il nostro cervello raggiunge lo stesso stadio di sviluppo degli animali alla nascita.

È pazzesco, non è vero? Bene, la ragione è che il nostro cervello si sviluppa in gran parte sulla base delle nostre esperienze, specialmente delle nostre esperienze sociali.

Pertanto, alla nascita, possiamo adattarci a qualsiasi contesto sociale in cui nasciamo!

Un esempio pratico può essere visto nel linguaggio : nei primi 12 mesi (e anche nel grembo materno), le nostre orecchie sono in grado di rilevare e registrare i suoni di tutte le lingue del mondo, preparandoci a riprodurli.

Dopo i 12 mesi, ci concentriamo solo sulla lingua (e) che ascoltiamo, ma non possiamo più rilevare alcune differenze fonetiche che sono assenti dal nostro contesto sociale.

Schema del cervello del bebè
Schema del cervello

Qualche dettaglio sul cervello del bebè.

Qui, in questa immagine davvero schematica, troviamo le parti principali del cervello. Nasciamo con la corteccia pre-motoria e la corteccia cingolata anteriore belle pronte. Questo permette ai nostri neonati di entrare in contatto con gli altri, specialmente con il tatto. Perché? Biologicamente, il bambino ha bisogno di:

  1. regolare i suoi stati interni. Frequenza cardiaca, pressione sanguigna, tensione muscolare. Il bambino si sincronizza con l'adulto che lo tiene. Ecco perché i nostri bambini sono nervosi se lo siamo anche noi !
  2. adattarsi al contesto specifico in cui è nato. Deve imparare rapidamente a cogliere le intenzioni degli altri e reagire di conseguenza.

L'ultima parte del cervello a maturare è la corteccia prefrontale. Si sviluppa per la maggior parte entro i 5 anni, ma termina la sua crescita a 25. Come forse già saprai, questa parte del nostro cervello è in grado di analizzare le situazioni nel loro complesso e quindi prendere decisioni.

Quindi, cosa succede nel frattempo? Tra la nascita e lo sviluppo della corteccia prefrontale?

Come si sviluppa il cervello del nostro bebè

Durante i primi due mesi dalla nascita, si sviluppa il cingolato anteriore. Questa è la parte che circonda il principale "centro emozionale" dove si trovano l'amigdala e l'ipotalamo. Registra gli stati emotivi del bambino e impara a rispondere a uno stimolo positivo.

Fondamentalmente, questo è ciò che aiuta il bambino a capire che quando piange, sua madre la calmerà, quando sorride, anche mamma lo fa, ecc. Man mano che il bambino cresce, questa parte del suo cervello lo aiuterà a controllare gli impulsi.

Allo stesso tempo, anche la corteccia orbito-frontale si sta sviluppando. Questo è ciò che ci permette di identificare le emozioni, le nostre o quelle degli altri, quindi è il centro dell'empatia. Quando questa parte si sviluppa, impariamo a gestire il nostro comportamento emotivo.

2 cose che ogni genitore dovrebbe sapere sul cervello del bebè

sorridi, e il cervello del bebè cresce
Sorridi, e il cervello del bebè cresce
  1. La capacità di scegliere le nostre reazioni, di gestire il nostro comportamento è acquisita attraverso l'esperienza. Non è innata!
    Mi sembra stupido ora, ma quando mia figlia aveva solo 1 o 2 mesi, ha iniziato a dormire più a lungo. A volte faceva un pisolino per 5 o 6 ore, ma durante il giorno. E poi, di notte, per una settimana di fila, si svegliava ogni ora o due: ero distrutta dalla mancanza di sonno e sentivo come se lo stesse facendo apposta. Gliel'ho persino detto una volta:
    "La mamma non può continuare così, tesoro, devo dormire, ti lascio piangere un po 'se continui a svegliarti così spesso." Il che probabilmente non ha senso, ma allora non lo sapevo.
    Fortunatamente, mia figlia ha dormito più a lungo di notte, quindi non l'ho lasciata piangere. Ma può essere un pensiero pericoloso quando ci si occupa di neonati : lo fa apposta per infastidirmi! Beh no, dimentichiamocelo. Non ne sono capaci.
  2. Senza esperienze sociali, questa parte del nostro cervello non si sviluppa. Se i bambini vengono lasciati soli, o hanno rapporti spiacevoli / negativi e quindi sono molto stressati, le connessioni neuronali saranno deboli o inesistenti. Questo è un periodo critico per lo sviluppo: una volta adulto, questa capacità sociale sarà compromessa.

Sorridi! .. Come fa il cervello del bebè a sentire se siamo felici

Un altro fatto interessante. I neonati sono già attrezzati per riconoscere la voce e l'odore della madre. I sensi dei bambini, in particolare l'olfatto, il tatto e il suono, permettono loro di capire il mondo che li circonda. E imparano, attraverso esperienze e relazioni piacevoli, a trovare il loro posto. Secondo me, è sensazionale!

Seriamente, in concreto : tengo il bambino tra le mie braccia. Con questo tocco, il cervello del bambino comunica con il mio sistema nervoso, regolando così tutti i suoi principali sistemi corporei.

Man mano che la vista si sviluppa, il bambino può reagire al linguaggio del corpo degli altri. Ecco come fa !

Cervello del bebè e il suo sorriso
Un sorriso che parla dritto dritto al.. cervello!

Immaginiamo allora. Sorrido al mio bambino. Il cervello del bebè registra che il sistema nervoso della mamma è attivato positivamente. Quindi, si attiva anche lui in modo positivo, si sincronizza sulla stessa lunghezza. La frequenza cardiaca aumenta. Vengono rilasciate beta-endorfine nella parte orbito-frontale. Le beta-endorfine regolano il glucosio e l'insulina, che aiutano i neuroni a svilupparsi. Sono anche oppiacei naturali, quindi ci fanno sentire bene!

Viene anche rilasciata anche della dopamina nella corteccia prefrontale, con il suo effetto energizzante e stimolante. L'intero processo aiuta l'espressione dei geni.
Più esperienze piacevoli viviamo, migliore la crescita e lo sviluppo genetico!

In effetti, il momento di crescita più intensa delle connessioni neurali avviene tra i 6 e i 12 mesi, quando si crea il legame di attaccamento e le interazioni con i genitori sono più piacevoli.

Tutta questa teoria sul cervello del bebè ... ci serve a cosa ?

So che tutto questo può sembrare fuori luogo, ma se devo trarre una sola conclusione da tutto ciò : neo-genitore, abbi cura di te.

I bebè hanno bisogno di noi per molti mesi. Le relazioni che sperimenteranno nei primi 12 mesi sono piuttosto critiche per le loro vite future. Può essere frustrante e destabilizzante per i genitori!

Fatevi aiutare, delegate, per poter essere disponibili per il vostro bimbo. Siate clementi con voi stessi. Non sarete comunque genitori perfetti, ciò che conta sono i modelli di comportamento che create, non le singole eccezioni.

Ricorda: quando sorridiamo, quando ci sentiamo bene, anche il nostro bambino sta bene.

Cosa possiamo fare allora se sentiamo che il nostro bambino è molto nervoso? Una volta che abbiamo verificato i classici bisogni fisiologici, possiamo "analizzare" noi stessi per vedere se noi abbiamo qualcosa che non va.

Quindi, manteniamo il contatto con il nostro bambino, percepiamo le sue emozioni, imitiamole e li mettiamole in parole. Poi, possiamo sorridere e dire qualcosa come "Mamma / papà è qui, andrà tutto bene".

Altri spunti interessanti anche in questi articoli : qui e qui.

Il sorriso invia un messaggio positivo e potente che siamo tutti strutturati a percepire e imitare .. Sia che si tratti di bambini che di adulti! (Ora che lo so, lo ammetto, ogni volta che sorrido, penso alle endorfine e alla dopamina che invadono il cervello, e ... questo mi fa sorridere ancora di più 😉 )

Don't worry, be happy!

(Riferimenti per questo articolo : Daniel Goleman, "Social intelligence", capitolo 1; Sue Gerhardt, "Why love matters", pagine 43 a 62. Lo trovate anche in italiano al titolo : "Perché si devono amare i bambini").

Se hai trovato questo articolo utile e interessante, condividilo! Ci aiuterai a far crescere la nostra community.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

3 Condivisioni
Condividi3
Tweet
Condividi